Home > In Evidenza > DIVIETI DI CIRCOLAZIONE DEI MEZZI PESANTI: IL CONSIGLIO DI STATO ACCOGLIE LE RAGIONI DELL’AUTOTRASPORTO E SOSPENDE LA SENTENZA DEL TAR DEL LAZIO

DIVIETI DI CIRCOLAZIONE DEI MEZZI PESANTI: IL CONSIGLIO DI STATO ACCOGLIE LE RAGIONI DELL’AUTOTRASPORTO E SOSPENDE LA SENTENZA DEL TAR DEL LAZIO

Con ordinanza pubblicata in data odierna (21.9.2018), il Consiglio di Stato ha sospeso l’esecutività della sentenza emessa dal Tar del Lazio lo scorso 22 Maggio sul calendario dei divieti di circolazione dei mezzi pesanti per l’anno 2018 (in accoglimento di un ricorso del Codacons), fissando la discussione per il merito al 17 Gennaio 2019.

Particolarmente interessante è il passaggio dell’ordinanza in cui il Consiglio di Stato evidenzia che ad un primo esame del decreto sui divieti, esso “appare sufficientemente specifico nel fissare i criteri a cui i Prefetti devono attenersi nell’accordare la deroga al divieto di circolazione, tenuto conto delle variabili legate a situazioni e circostanze contingenti non previamente prefigurabili”.

Di conseguenza, per quest’anno la Sentenza del Tar NON avrà nessun effetto sul rilascio delle autorizzazioni alla circolazione in deroga prefettizie, fermo restando che – come evidenziato nell’ordinanza in esame – “in ogni caso è rimesso al cauto e prudente apprezzamento del Prefetto valutare la sussistenza delle condizioni per concedere la deroga”.

Questa decisione premia la ferma presa di posizione da parte della FAI, delle altre associazioni della Conftrasporto e dell’autotrasporto, le quali, insieme a quelle della produzione (Confcommercio e Confindustria), hanno promosso un intervento ad adiuvandum dell’impugnazione presentata dal Ministero dei Trasporti e dagli Interni davanti al Supremo organo di Giustizia amministrativa.

You may also like
AUTOSTRADE A24 E A25: NUOVE LIMITAZIONI PER I MEZZI PESANTI
DIVIETI DI CIRCOLAZIONE – PRECISAZIONI SULLE DICHIARAZIONI RILASCIATE DA ASS.CONSUMATORI
DIVIETI INTEGRATIVI PER I TRANSITI ECCEZIONALI ANNO 2018
DIVIETI DI CIRCOLAZIONE DEI MEZZI PESANTI IN ITALIA PER IL 2018